Crea sito

La falena ragno

Posted by on 21, Apr, 2017 in Lepidotteri, news

La falena ragno

Il particolare abito di una falena Tailandese.

Di lepidotteri che imitano altri animali credo ne siate a conoscenza.
Ma nel caso non lo ricordaste  vi è, ad esempio l’intera famiglia delle Sesiidae , i cui appartenenti imitano gli imenotteri  per lo più api e vespe, o la Caligo Atreus che imita gli occhi di un gufo.

Quindi perché parlare ancora di una falena che imita un altro animale.

I motivi sono due. Il primo è che la scoperta di questa falena è relativamente recente (2005), il secondo è l’animale che imita: un ragno.

Siamusotima aranea - Solis, Yen, Goolsby, Wright, Pemberton, Winotal, Chattrukul, Thagong & Rimbut 2005 - falena

Siamusotima aranea – Itchydogimages / John Horstman

Va bene dopo questa prima foto direte che sono impazzito.  Potrei essere in accordo con voi, una falena con le ali dal fondo bianco con una serie di disegni bruni e marroni sulle ali non sembra certamente un ragno, ma proviamo a cambiare punto di vista.

2005. Siamusotima aranea – Itchydogimages / John Horstman

Adesso le cose cambiano, da questo punto di vista assomiglia decisamente ad un ragno.

Anche se non ancora dimostrato pare che questo particolare abito serva a tenere lontani i piccoli predatori.

Ora un minimo di storia,  a dir la verità un po’ tecnica e potrebbe essere noiosa ai non appassionati.

La Siamusotima aranea 

Solis, Yen, Goolsby, Wright, Pemberton, Winotal, Chattrukul, Thagong & Rimbut 2005

La Siamusotima aranea  Solis & Yen , è una nuova specie scoperta in  Thailandia. E ‘stata scoperta negli steli di  Lygodium flexuosum  (L.) Sw. (Schizaeaceae) durante l’esplorazione per gli agenti di controllo biologico di  Lygodium microphyllum  da cui il nome comune inglese Lygodium Spider Moth  non ufficiale.
I ricercatori hanno documentato i precedenti   di falene che imitano il comportamento dei ragni come un modo per difendersi  contro la loro predazione, ma questa specie di falena è un esempio estremo di come una specie possa trarre beneficio dall’imitare un’altra specie.

Tra l’altro l’osservazione ha portato a stabilire che per la prima volta  nella superfamiglia Pyraloidea la larva ha modifiche uniche del segmento anale che la fa assomigliare alle larve degli scarabei Tenebrionidi.

Ennesima particolarità: La falena ha anche dei segmenti corazzati nella sua parte posteriore, molto  simili a quelli dei coleotteri nulla di simile si era mai visto prima in una falena.

Questa scoperta espande le possibilità di controllo biologico della felce rampicante negli Stati Uniti dove risulta un’infestante, specialmente nello stato della Florida, dove si sta già valutando una sua possibile introduzione.

Riferimenti

Annali della Società Entomologica of America. 98 (6): 887-895. doi:  Link

Research gate: Link

 

Al prossimo articolo.

 

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*