Crea sito

Un’ estate senza grilli e cavallette.

Posted by on 15, Set, 2017 in Altri insetti, news

Un’ estate senza grilli e cavallette.

L’estate senza la stridulazione degli ortotteri potrebbe essere una realtà. Secondo la IUCN, sono gli animali più a rischio di estinzione del nostro continente.

L’estate è giunta oramai al termine, e per fortuna i grilli c’erano, ma per loro il rischio è ancora presente.

La notizia era apparsa a febbraio dell’anno in corso ed è stata riportata da molte riviste e siti scientifici, leggiamo quindi cosa ci dice l’ Unione internazionale per la conservazione della natura.

Le estati saranno più silenziose di quelle che abbiamo visto finora perché potrebbero scomparire grilli e cavallette.

E’ l’allarme lanciato dall’Istituto di Unione internazionale per la conservazione della natura (Iucn) con i risultati del monitoraggio dello stato di conservazione delle 1.082 specie di tali insetti in Europa portato avanti per due anni da 150 esperti nell’ambito di un progetto finanziato dalla Commissione europea. Almeno un quarto delle specie di grilli e cavallette (appartengono alla famiglia degli ortotteri) risulta appunto a rischio estinzione.

Ortottero
Questo, rimarca lo Iucn, li rende il gruppo di insetti più minacciato del Vecchio continente. La minaccia principale, spiega lo Iucn, arriva dello sfruttamento eccessivo dei pascoli, dall’uso di fertilizzanti, macchinari pesanti, pesticidi e dalle falciature frequenti. Capitolo a parte gli incendi, in aumento, in particolare in Grecia e alle isole Canarie. Altre specie costiere sono minacciate dallo sviluppo del turismo e dell’urbanizzazione.

“I cambiamenti repentini del territorio europeo riguardano anche insetti per noi molto familiari”, spiega Jean-Christophe Vié, vicedirettore del programma globale dello Iucn sulle specie. “Per evitare che cadano nel baratro dell’estinzione – prosegue – dovrebbe essere fatto di più per proteggere e per ripristinare il loro habitat. Ad esempio con una gestione sostenibile dei pascoli e con pratiche agricole tradizionali. Se non agiamo ora – sottolinea – il suono dei grilli nelle campagne potrebbe diventare presto un ricordo”.

La minaccia principale, spiega lo Iucn, arriva dello sfruttamento eccessivo dei pascoli, dall’uso di fertilizzanti, macchinari pesanti, pesticidi e dalle falciature frequenti. Capitolo a parte gli incendi, in aumento, in particolare in Grecia e alle isole Canarie. Altre specie costiere sono minacciate dallo sviluppo del turismo e dell’urbanizzazione.

Al prossimo articolo.

Bio GDOREMI