free page hit counter
Crea sito

Ancora sull’incidente di Fukushima e le farfalle.

Posted by on 6, Mag, 2020 in Lepidotteri, news

Ancora sull’incidente di Fukushima e le farfalle.

The translated version is in the middle

La situazione è decisamente migliorata

Degli effetti delle radiazioni del disastro di Fukushina sugli insetti ne avevamo già parlato più volte (vi lascio i link in fondo se ve ne foste dimenticati).

Gli impatti biologici negativi dell’incidente nucleare di Fukushima sono stati rivelati dal 2012 usando la farfalla , Zizeeria maha.

File:Zizeeria maha okinawana (28295539806).jpg - Wikimedia Commons

Essi sono stati spesso considerati incompatibili con la comprensione convenzionale della biologia delle radiazioni. 

Questa discrepanza probabilmente deriva da diverse condizioni e metodologie di sistema. 

In questo articolo tratto da Journal of Heredity, di cui vi propongo la traduzione dell’abstract, si risponde innanzitutto ai commenti del Comitato scientifico delle Nazioni Unite sugli effetti delle radiazioni atomiche (UNSCEAR) .

In secondo luogo, esaminiamo i nostri recenti studi a supporto delle conclusioni originali del 2012. 

Poiché l’elevato tasso di anomalie morfologiche e le piccole dimensioni corporee rilevate a Fukushima nel 2011 sono già cessate, probabilmente attraverso l’evoluzione adattativa, le loro attuali distribuzioni geografiche sono state studiate in tutto il Giappone. 

Le popolazioni locali che mostravano tassi di anormalità relativamente elevati e dimensioni corporee ridotte erano rare e sostanzialmente limitate a Miyagi e alle sue popolazioni settentrionali, escluse le popolazioni di Fukushima, a sostegno del coinvolgimento causale dell’incidente. 

Infine, sottolineiamo l’importanza di comprendere l’intero quadro degli impatti biologici dell’incidente di Fukushima.

Lacune geografiche nelle distribuzioni del tasso di anormalità morfologica, tasso di modifica del modello di colore delle ali e dimensioni del corpo (dimensioni di prua) della farfalla azzurro pallido in Giappone  Un divario per le dimensioni del corpo si trova al confine tra Miyagi e Fukushima Prefectures (Taira et al. 2015b).  Una lacuna per le anomalie morfologiche e le modifiche del modello di colore delle ali si trova al confine tra le prefetture di Iwate e Miyagi (Hiyama et al. 2017).  Il margine settentrionale si trova nella prefettura di Aomori (Otaki et al. 2010).  I confini prefetturali sono disegnati con sottili linee continue e i nomi prefetturali sono indicati con lettere maiuscole.  Questa mappa è stata prodotta da KenMap v9.11 (2015).

Oltre agli impatti diretti delle radiazioni, sarebbero in atto impatti indiretti attraverso meccanismi sconosciuti associati alle radiazioni, come le risposte immunologiche al particolato insolubile e le carenze nutrizionali nelle piante e negli animali. 

Sono necessari ulteriori studi ambientali oltre alla biologia e alla fisica delle radiazioni convenzionali per comprendere le complesse risposte degli organismi, compresi gli esseri umani.

Still on Fukushima and the butterflies.

We had already talked about the effects of radiation from the Fukushina disaster on insects several times (I will leave you the links at the bottom if you have forgotten them- only in italian).

Adverse biological impacts of the Fukushima nuclear accident have been revealed using the pale grass blue butterfly, Zizeeria maha, since 2012, which were often considered incompatible with the conventional understanding of radiation biology.

This discrepancy likely originates from different system conditions and methodologies. In this article, we first respond to comments from the United Nations Scientific Committee on the Effects of Atomic Radiation (UNSCEAR) regarding our study; “technical errors” in unit usage and mathematical models noted by UNSCEAR are not errors but reflect our research philosophy not to introduce theoretical assumptions associated with unit conversion and mathematical fit.

Second, we review our recent studies to support the original 2012 conclusions. Because the high morphological abnormality rate and small body size detected in Fukushima in 2011 have already ceased, likely through adaptive evolution, their present geographical distributions were investigated throughout Japan.

Local populations showing relatively high abnormality rates and small body sizes were rare and basically restricted to Miyagi and its northern populations excluding the Fukushima populations, supporting the causal involvement of the accident.

Lastly, we stress the importance of understanding the whole picture of the biological impacts of the Fukushima accident.

In addition to the direct radiation impacts, indirect impacts through unknown radiation-associated mechanisms, such as immunological responses to insoluble particulate matter and nutritional deficiencies in plants and animals, would be in effect.

Further environmental studies beyond conventional radiation biology and physics are necessary to understand the complex responses of organisms, including humans, to the Fukushima nuclear accident.

Joji M Otaki, Wataru Taira, Current Status of the Blue Butterfly in Fukushima Research, Journal of Heredity, Volume 109, Issue 2, March 2018, Pages 178–187, https://doi.org/10.1093/jhered/esx037


Al prossimo articolo.

Visita anche il Canale di Youtube (documentari e video sugli insetti e sulla natura del Nordest Italiano)

Farfalle e falene della pianura Friulano-Veneta

Bio  GDoremi