free page hit counter
Crea sito

Colture transgeniche relativamente gentili con gli insetti

Posted by on 2, Mar, 2020 in Altri insetti, Lepidotteri, news

Colture transgeniche relativamente gentili con gli insetti

Lo studio aiuta a sciogliere una preoccupazione per le colture che uccidono gli insetti parassiti.

Oggi vi propongo un articolo un po’ datato (2007) tratto da Nature.com, scritto da Heidi Ledford , inerente uno studio Michelle Marvier e colleghi dell’Università di Santa Clara, in California sugli effetti delle culture transgeniche sugli insetti.

Buona lettura.

Il fatto che le colture modificate per produrre insetticidi contro i parassiti sono relativamente gentili con altri insetti, è ciò che suggerisce un’analisi di 42 esperimenti sul campo.

I campi di cotone transgenico e mais contengono più insetti non bersaglio rispetto a quelli delle colture tradizionali spruzzate con insetticidi, lo studio mostra. 

Ma entrambi hanno meno insetti del genere rispetto ai campi tradizionali che non vengono affatto irrorati.

La scoperta allevia le preoccupazioni che le colture progettate per produrre una tossina insetticida prodotta dal batterio Bacillus thuringiensis (Bt) potrebbero uccidere più insetti del previsto, danneggiando così la fauna selvatica. 

La tossina è destinata a colpire gruppi specifici di parassiti delle piante, come la piralide del mais (Ostrinia nubilalis)  e i “cotton bollworm”, (Helicoverpa zea), una specie della famiglia Noctuidae. 

Ostrinia nubilalis © Gianluca Doremi
Ostrinia nubilalis

Un dibattito su questo effetto è iniziato da quando sono state rilasciate le prime colture Bt nel 1996.

Recenti prove sul campo hanno scoperto che le colture Bt hanno un impatto significativo o nullo sulle specie non bersaglio. 

Ma studi di laboratorio che dimostrano che gli insetti nutriti con polline che produce Bt sono più piccoli e si riproducono di meno, hanno reso i ricercatori scettici e preoccupati.

“Questo è un problema così controverso”, afferma l’ecologa Michelle Marvier dell’Università di Santa Clara, California. “C’è molta paura del pubblico, in parte perché non c’è molta trasparenza nel processo di test.”

Raggruppare le risorse

Marvier e i suoi colleghi hanno utilizzato il Freedom of Information Act degli Stati Uniti per ottenere i risultati delle prove sul campo presentate all’Agenzia per la protezione ambientale come parte del processo di approvazione delle colture ingegnerizzate.

Gli studi sul campo, ha scoperto, tendevano a usare campioni di dimensioni troppo piccole per rivelare differenze piccole ma statisticamente significative. 

Quindi i ricercatori hanno combinato i dati di studi sul campo che hanno misurato le popolazioni di invertebrati vicino alle colture Bt, nella speranza di ottenere un campione abbastanza grande da individuare piccole differenze.

Complessivamente, riportano in Science 1 , i campi Bt contenevano più invertebrati rispetto ai campi irrorati con insetticida. 

Campo di mais cultura normalmente invasa da alcune specie di insetti.  ©Gianluca Doremi

Ma entrambi contenevano meno insetti rispetto ai campi che non contenevano colture Bt che non erano state irrorate con insetticidi.

Il significato ecologico dei risultati non è chiaro, date le piccole differenze nelle popolazioni di invertebrati di diversi campi, afferma l’entomologo Yves Carrière dell’Università dell’Arizona, Tucson.

Ma l’approccio alla meta-analisi può fornire un quadro più chiaro di ciò che sta accadendo sul campo.

“I dati sono appena disponibili per condurre meta-analisi”, afferma Carrière. “Sono certo che molti di questi studi usciranno nei prossimi anni”.

Conclusioni

Un utile passo, aggiunge, sarebbe quello di concentrarsi sulle specie, piuttosto che raggruppare gli invertebrati per famiglia, come ha fatto lo studio di Marvier. 

Tale attenzione potrebbe rivelare differenze che mancano quando le specie vengono raggruppate insieme.

L’approccio può anche affrontare altre preoccupazioni relative alle colture transgeniche, come ad esempio se promuovono nuovi tipi di parassiti o incoraggiano le erbacce che hanno un effetto a catena sulle farfalle e altri insetti.

Risultato immagini per Michelle Marvier GM butterflies

Per facilitare gli studi futuri, Marvier ha creato un database di tutte le prove trovate dal suo team. 

Le autorità di regolamentazione statunitensi dovrebbero richiedere ai firmatari di depositare i dati in un database simile, simile a un registro di sperimentazione clinica per test antidroga, afferma.

Il database dovrà presto essere aggiornato, avverte Carrière. “Questo studio copre i transgenici che producono una singola tossina Bt, “afferma”. 

Ma questa prima generazione di transgenici viene sostituita con piante che hanno due tossine con un modo d’azione più ampio. Quindi questa non è la fine della storia.”

Al prossimo articolo.

Altri articoli in ordine cronologico

Visita anche il Canale di Youtube (documentari e video sugli insetti e sulla natura del Nordest Italiano)

Farfalle e falene della pianura Friulano-Veneta

Bio  GDoremi