free page hit counter
Crea sito

Il riscaldamento globale e le generazioni dei lepidotteri

Posted by on 9, Feb, 2019 in Lepidotteri, news

Il riscaldamento globale e le generazioni dei lepidotteri

Il riscaldamento climatico aumenta voltinismo in farfalle e falene europee

Il cambiamento climatico sta alterando le zone geografiche, nella dinamica della  popolazione e fenologia (la scienza che si occupa della classificazione e registrazione degli eventi rilevanti nello sviluppo degli organismi) di molti organismi.

Per gli esseri  Ectotermi (condizione degli organismi viventi la cui temperatura corporea dipende dall’ambiente esterno), l’aumento delle temperature ambientali ha spesso  conseguenze dirette sui tassi metabolici, sui modelli di attività e sui  tassi di sviluppo.

Leptidea sinapis, una delle specie in cui il polivoltinismo è aumentato - ©Gianluca Doremi

Leptidea sinapis, una delle specie in cui il polivoltinismo è aumentato – © Gianluca Doremi

Di conseguenza, anche  in molte specie di insetti si hanno queste conseguenze, a causa di una inizio precoce e/o prolungamento della durata di stagione, che si è verificato in parallelo con il recente riscaldamento globale.

Tuttavia, dal punto di vista ecologico ed evolutivo, il numero di generazioni (voltinismo) e gli investimenti in ogni generazione può essere ancora più importante che la stagionalità, dal momento che una generazione aggiuntiva per unità di tempo può accelerare la crescita della popolazione o l’adattamento.

Utilizzando un insieme di dati che risale alla metà del XIX secolo, un articolo pubblicato sul giornale dalla Royal Society segnala  i cambiamenti, e soprattutto gli incrementi nel voltinismo di farfalle e falene specie dell’Europa centrale.

I numeri

Una percentuale significativa delle 263 specie di polivoltine ha mostrato come è aumenta la frequenza della seconda e delle successive generazioni, in relazione alla prima generazione in un periodo fino al 1980.

Lo studio a rilevato che 44 specie hanno aumentato il numero di generazioni anche  dopo il 1980.

Quattro esempi di specie che hanno mostrato un cambiamento pronunciato a favore della seconda generazione dopo il 1980 rispetto a prima del 1980. Le specie appartengono a quattro diverse famiglie di farfalle e falene: ( a ) Leptidea sinapis (Pieridae), ( b ) Plagodis dolabraria (Geometridae ), ( c ) Hypena proboscidalis (Noctuidae) e ( d ) lithosia quadra (Arctiidae). Tutte le specie sono noti per essere almeno parzialmente bi-voltine. La seconda generazione, tuttavia, è stata più frequente dopo il 1980 rispetto al 1980. La prima distribuzione di frequenza (che rappresenta i singoli record con segni di spunta) sono mostrati in grigio tratteggiata per i record prima del 1980 e in nero per i record dopo il 1980.

Le conseguenze ecologiche attese sono diverse

Al polivoltinismo è stato collegato l’attacco di insetti che comprendono un aumento della ricchezza di parassiti erbivori dell’agricoltura e della silvicoltura.

Tuttavia, l’interruzione della sincronia di sviluppo, associato con il polivoltinismo e la fenologia della pianta ospite  può anche indebolire le specie soggette a nuove generazioni , e potenzialmente avere conseguenze impreviste per le specie di interesse conservazionistico.

Ovviamente, come detto sopra,  la capacità delle specie di adattamento evolutivo ad un ambiente che cambia può essere facilitato da un aumento voltinismo.

L’articolo originale: Link

Al prossimo articolo.

Visita anche il Canale di Youtube (documentari e video sugli insetti del Nordest Italiano)

Farfalle e falene della pianura Friulano-Veneta

Bio  GDoremi





Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.